Edizioni critiche di musica italiana
e saggistica musicologica
online e on demand

© Copyright Società Editrice di Musicologia
Sede legale: Lgt. Portuense 150 - 00153 Roma
C.F. 97701420586
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Credits:
Progetto grafico: Venti Caratteruzzi
Web: StudioBottoni | Giacomo Sciommeri

Ferdinando Giorgetti
Air varié e Rondò alla polacca per flauto con accompagnamento di violino, viola, violoncello o fagotto
a cura di Claudio Paradiso 
(Musica Strumentale, 5)

XVI, 32 pp.; 4 parti: 11, 11, 11, 11 pp.; 29,7 x 21 cm
Introduzione e apparato critico in italiano e inglese

Violinista, compositore, rispettato insegnante di violino, Ferdinando Giorgetti (1796-1867) fu una delle figure più rappresentative della vita musicale fiorentina dell'Ottocento, contribuendo in prima persona al rinnovamento e alla diffusione della musica strumentale tramite nuove composizioni, esecuzioni dei grandi maestri del classicismo austriaco e italiano, arrangiamenti ad hoc. Compose un oratorio, varie composizioni sacre, ouvertures per orchestra, concerti per violino e per flauto, ma soprattutto musica da camera: variazioni e polacche per violino e pianoforte, duetti per due violini, trii, quartetti, quintetti, sestetti per archi.

Negli anni '20, Giorgetti diede alle stampe varie composizioni, appartenenti in buona parte, secondo un gusto prevalente all'epoca, ai generi della variazione e delle danze. Fra queste, l'Air varié e rondò alla polacca per flauto con accompagnamento di violino, viola, violoncello o fagotto, pubblicata da Ricordi nel 1827, prosegue la tradizione più leggera e divertita caratterizzata dalla presenza dello strumento a fiato. Il brano si apre con una drammatica introduzione (Agitato quasi presto) in re minore; segue il tema (Andante cantabile) in re maggiore, e cinque variazioni assai diverse tra loro. La quinta variazione (Vivace assai) termina con una cadenza del flauto che porta alla spassosa Polonese conclusiva (Allegro moderato).

Claudio Paradiso. Flautista, direttore del complesso di fiati “I fiati di Parma”, docente di Musica d’insieme per strumenti a fiato al Conservatorio di Perugia, è da anni impegnato nella ricerca musicologica della grande tradizione strumentale italiana dei secoli XVIII e XIX. Ha curato edizioni critiche di opere per/con fiati di G. Bolzoni, B. Carulli, D. Cimarosa, M. Dotti, J. Druzecky, G. Gariboldi, L. Hugues, T. Mabellini, S. Mercadante, F. e P. Morlacchi, L. Pagani, G. Rossini, A. Scontrino, C. Sivori, G. Tadolini, G. B. Viotti, presso gli editori Suvini Zerboni, Ut Orpheus, L’oca del Cairo e le Edizioni Anteo. Ha curato svariati volumi di argomento musicologico, dedicati a Luigi Hugues (Casale Monferrato, 2001), Il flauto in Italia (Roma, 2005), Teodulo Mabellini (Pistoia, 2005), Arrigo Tassinari (Cento, 2009), I virtuosi di Roma (in preparazione). Ha  avviato (2009) un progetto di Dizionario della musica in Italia (DMI), sostenuto da centri di ricerca, istituzioni e fondazioni italiane. 

 

   sfoglia

Edizione digitale - partitura e parti
ISMN: 979-0-705061-05-5
Price: 19€

Edizione digitale - partitura
ISMN: 979-0-705061-06-2
Price: 12€

Edizione cartacea (su richiesta: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.)
ISMN: 979-0-705061-07-9
Price: 15€