Edizioni critiche di musica italiana
e saggistica musicologica
online e on demand

© Copyright Società Editrice di Musicologia
Sede legale: Lgt. Portuense 150 - 00153 Roma
C.F. 97701420586
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Credits:
Progetto grafico: Venti Caratteruzzi
Web: StudioBottoni | Giacomo Sciommeri

Mauro Giuliani, Johann Nepomuk Hummel
Grand pot-pourri national op. 93 per chitarra e pianoforte
a cura di Emiliano Castiglioni e Mariangela Marcone

(Musica strumentale, 11)

XXII, 52 (partit. per chit. terzina e pf), 18 (parte di chit.), 52 (partitura per chit. moderna e pf) pp., ; 29,7 x 21 cm
Introduzione e apparato critico in italiano e inglese

Mauro Giuliani dedicò cinque composizioni al duo chitarra-pianoforte. Il Grand Pot-Pourri National op. 93 è un pot-pourri di danze e inni dei diversi paesi europei, ideato nel clima della Restaurazione appena affermata dal Congresso di Vienna. Giuliani lo scrisse per chitarra terzina e pianoforte, con la collaborazione di Johann Nepomuk Hummel per la parte pianistica. La prima esecuzione del brano risale al 26 maggio 1817 e vide insieme con Giuliani il pianista Ignaz Moscheles. La pubblicazione avvenne tra il 1817 e il 1818 nel catalogo delle opere di Giuliani e nel 1819 in quello di Hummel come op. 79. Furono gli anni della massima notorietà del chitarrista e di una sua intensa attività concertistica e compositiva. Nella parte della chitarra emergono chiaramente i tratti più caratteristici della tecnica strumentale e compositiva di Giuliani, mentre in quella pianistica si evidenzia una complessità armonica inconsueta nella scrittura del chitarrista tale da indurci a credere che Hummel abbia collaborato anche nel processo creativo e non solo nell’arrangiamento. Nell’ambito della letteratura per chitarra e pianoforte della prima metà dell’Ottocento, l’opera risalta senza dubbio per complessità tecnica e lunghezza, conservando nonostante ciò una notevole efficacia comunicativa e gradevolezza d’ascolto, senza tuttavia cercare, o raggiungere, la complessità formale del coevo Gran Duo Concertante scritto ed eseguito a Vienna dallo stesso Giuliani in collaborazione con Moscheles.

Emiliano Castiglioni. Diplomato in chitarra presso il Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano sotto la guida di Aldo Minella, ha proseguito i propri studi musicali con Oscar Ghiglia presso la Musike-Akademie der Stadt Basel, conseguendo nel 2001 il Solisten Diplom. Ha frequentato corsi di perfezionamento musicale con Alberto Ponce, Stefano Grondona, Frederic Zigante e lo stesso Ghiglia presso l’Accademia Musicale Chigiana di Siena, dove ha ottenuto tre diplomi di merito.  Ha vinto importanti concorsi nazionali ed internazionali di chitarra, tra cui il “Fernando Sor” di Roma, il “Benvenuto Terzi” di Bergamo, l’“Ebe Cazzaniga Ansalone” di Abbiategrasso, il “Città di Parma”, il “Città di Mottola” e il “Nicola Fago” di Taranto. Diplomato in Didattica della musica, Direzione di Coro e Pianoforte presso il Conservatorio di Milano, si è laureato in matematica presso l’Università dell’Insubria di Como. Particolarmente apprezzato per l’unicità delle sue interpretazioni bachiane e, più in generale, del periodo barocco e classico, svolge attività concertistica sia solistica che cameristica. È attualmente docente di chitarra presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali di Siena.

Mariangela Marcone. Diplomata in pianoforte presso il Conservatorio "Nicolò Paganini" di Genova sotto la guida di Claudio Proietti, ha frequentato corsi di perfezionamento con Graziella Rivara (clavicembalo), Clara Nemes (metodologia Kodaly) e Massimiliano Damerini (pianoforte). Laureata in Lettere presso l'Università di Genova con la tesi Dino Buzzati e la musica, ha vinto una borsa di studio presso il “Centro Studi Buzzati” di Feltre, e a Buzzati ha dedicato due saggi: Buzzati cronista musicale e Buzzati librettista e la sua collaborazione con Luciano Chailly: l’esperienza di Prodedura penale. È direttore artistico dell’Associazione Musicale Felice Romani di Moneglia e coordina l’attività del Centro Studi dedicato al librettista. Svolge attività cameristica in Italia e all’estero con diverse formazioni. Con il Trio Frank Bridge ha registrato per l’etichetta Inedita nella collana Beethoven Rarities il trio inedito Anhang 3 di Ludwig van Beethoven. È docente di pianoforte presso istituti statali.

  sfoglia-no-text anteprima

 

Edizione digitale - partitura per ch. terzina; parte; partitura per ch. moderna
ISMN: 979-0-705061-46-8
Prezzo: 12€

Edizione cartacea - partitura per ch. terzina (su richiesta: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.)
ISMN: 979-0-705061-47-5
Prezzo: 20€

 

Prezzo di vendita: 12,00 €
Edizione digitale / Digital Edition

Giuliani-Hummel - digitale.pdf

Giuliani-Hummel - digitale.pdf