Edizioni critiche di musica italiana 
e saggistica musicologica
online e on demand

© Copyright Società Editrice di Musicologia
Sede legale: Lgt. Portuense 150 - 00153 Roma
C.F. 97701420586
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Credits:
Progetto grafico: Venti Caratteruzzi
Web: StudioBottoni | Giacomo Sciommeri

Agenda

 

8 aprile 2018 - ore 17Paer-Aversano

Bologna, Museo internazionale e biblioteca della musica

Presentazione del volume Col suggello delle pubbliche stampe. Storia editoriale della cantata da camer di Giulia Giovani

La cantata da camera fu uno dei generi più in voga nella cultura del Seicento e del Settecento. Il volume esamina la sua storia editoriale tra i primi decenni del Seicento e la metà del Settecento, legata ad oltre cento opere realizzate nelle tipografie musicali di Venezia, Bologna, Milano, Modena, Firenze, Lucca, Roma, Pesaro e Napoli. A partire dalle Cantade et arie di Alessandro Grandi (Venezia, 1620) fino a giungere alle Quattro cantate da camera di Giovanni Battista Pergolesi (Napoli, 1738), sono evidenziate le particolarità delle opere in relazione al contesto storico ed economico nel quale videro la luce. All’illustrazione delle particolarità dei singoli centri produttivi è anteposta una sezione sulle specificità del genere musicale, con particolare rilevanza posta sulle dinamiche della sua produzione e circolazione anche in rapporto alle attività degli stampatori e alle condizioni della loro professione. Il volume è corredato da una bibliografia delle edizioni e della trascrizione dei testi poetici delle cantate, liberamente consultabili sul sito della Società Editrice di Musicologia.

Incontro con: Francesco Passadore, Bianca Maria Antolini, Giulia Giovani

Infoscheda libro


10 gennaio 2018 - ore 20,30Paer-Aversano

Roma, Teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano, 8

Prima esecuzione in tempi moderni del Concertone per oboe, clarinetto, viola, violoncello e orchestra di Ferdinando Paer

Nell'ambito della stagione «Musica universitaria» dell'Università di Roma Tre è in programma il 10 gennaio 2018 il Concertone per oboe, clarinetto, viola, violoncello e orchestra di Ferdinando Paer, edito dalla SEdM nel 2016 a c. di Luca Aversano. Scritta tra il 1807 e il 1814, la composizione appartiene a un genere strumentale tipicamente italiano, finora poco studiato e conosciuto, simile alla più nota sinfonia concertante di area transalpina. Il Concertone di Paer, articolato in tre movimenti (Allegro moderato, Larghetto, Allegretto giusto), è di scrittura piacevole e brillante, e prevede un inconsueto insieme di solisti, elemento di particolare originalità per un brano che rappresenta degnamente lo stile strumentale italiano di primo Ottocento.

Info e programma: link evento | scheda libro


9 gennaio 2018 - ore 18Paer-Aversano

Milano, Conservatorio "G. Verdi" - Sala di lettura della Biblioteca

Presentazione dell'edizione critica dei Salmi di Orazio Polaroli a c. di Mariateresa Dellaborra e Maria Cecilia Farina (SEdM, 2017)

Intervengono: Mariateresa Dellaborra, Maria Cecilia Farina. Con la partecipazione di Giulio Prandi e di Ghislieri Choir per l'esecuzione di alcuni Salmi di Orazio Polaroli. In collaborazione con l'Associazione Ghislierimusica. Ingresso libero.
I Salmi per tutto l’anno op.1 del bresciano Orazio Polaroli (1695?- 1765) si sono ritenuti per lungo tempo perduti, fino a quando i lavori di censimento e catalogazione del Fondo musicale del Duomo di Pavia, condotti dalle curatrici dell’edizione, non hanno riportato alla luce l’unico esemplare di quest’opera. La silloge comprende sedici salmi dell’Ufficio, incorniciati dal versetto Domine ad adjuvandum e dal cantico del Magnificat, per un totale di diciotto brani, scritti in un elegante contrappunto imitato a 4 voci con basso continuo e due violini “se piace”. La scrittura contrappuntistica a 4 voci spesso si alleggerisce in passi solistici destinati ai “favoriti” del coro. Una riscoperta che pone in una luce nuova la figura di questo compositore, appartenente ad una famiglia di illustri musicisti, e arricchisce la conoscenza della scuola e del vivace ambiente bresciano del ‘700.

Info e programma: link evento | scheda libro


9 dicembre 2017 - ore 10:30

lulier dicembre 17

Roma, Museo d’arte sacra di San Giovanni dei Fiorentini

Giovanni Lorenzo Lulier, compositore e strumentista nella Roma di fine Seicento
Incontro di studi

Giovanni Lorenzo Lulier (c1660-1700), noto ai suoi contemporanei con il nome di “Gio- vanni del violone”, fu compositore di cantate da camera, serenate, oratori, opere e sti- mato suonatore di violone a servizio di due dei maggiori cardinali romani dell’epoca: Be- nedetto Pamphilj e Pietro Ottoboni. Impiegato occasionalmente come strumentista per le conversazioni e accademie di altri principi mecenati o ambasciatori stranieri, fi gura spesso nelle liste di musici sotto la battuta di Arcangelo Corelli o impiegato in cappelle e chiese nazionali romane, come san Giovanni dei fi orentini o san Luigi dei francesi. Studi recenti lo hanno riportato all’attenzione degli specialisti; l’edizione critica di al- cune sue cantate, realizzata dalla SEdM a cura di Chiara Pelliccia, è ora la base per una conoscenza più ampia, che ha un suo primo risultato con l’esecuzione di quattro cantate nell’ambito del Roma Festival Barocco, e la prossima uscita di una registrazione in cd, di cui sono protagonisti Francesca Boncompagni e i musicisti dell’Accademia Ottoboni. La mattinata di studi si propone come momento di incontro tra studiosi, musicologi e mu- sicisti, e al tempo stesso come introduzione alle cantate che verranno eseguite la sera stessa in concerto a San Luigi dei Francesi. Nelle relazioni verranno individuati alcuni signifi cativi aspetti delle ricerche più recenti: a partire dalle cantate da camera saranno indagati vari momenti dell’attività di Lulier, delle sue composizioni e della circolazione delle sue musiche, nel contesto del mecenatismo romano dell’ultima parte del Seicento.

Info e programmapdf evento


28 ottobre 2017locandina genova

Genova, Conservatorio "N. Paganini"

Nell'ambito della giornata di studi su "La musica da camera con flauto nel XVIII secolo", Bianca Maria Antolini presenterà il progetto della SEdM sulla musica strumentale italiana del Sette-Ottocento; Carmela Bongiovanni, curatrice dell'edizione del Trio in sol maggiore di Jommelli (SEdM, 2016), illustrerà il Trio e le fonti genovesi di Jommelli. In conclusione della giornata di studi verrà eseguito il Trio di Jommelli.

Info: pdf evento


15 ottobre 2017Apoteosi

Amsterdam

Round table on Giuseppe Sigismondo’s Apoteosi della musica del Regno di Napoli. 

Nicholas Baragwanath (Chair, Nottingham), Talya Berger (Stanford), Rosa Cafiero (Milano), Claudio Toscani (Milano), Claudio Bacciagaluppi (Bern)

Info: link evento


26 maggio 2017

Lubiana, Istituto di Musicologia dell'Accademia slovena di scienze e arti
“Francesco Pollini – His Metodo per il pianoforte and Tre Sonate Op. 26 (1812)”

La manifestazione, organizzata in collaborazione con AZIL Bookstore, sotto gli auspici of ZRC Publishing e dell'Istituto Italiano di Cultura in Slovenia, presenterà il Metodo per pianoforte / Piano Method, di Francesco Pollini, a c. di Leonardo Miucci (SEdM 2016), e le Tre Sonate, Op. 26 (originariamente pubblicate come supplemento al metodo) a c. di Radovan Škrjanc (ZRC Publishing, 2015; Monumenta artis musicae Sloveniae, 59).

Interventi di Metoda Kokole, Leonardo Miucci, Radovan Škrjanc.

Info: link evento | scheda libro


22 maggio 2017locandina - cover

Roma, Conservatorio di Santa Cecilia
Alziamo il volume!

Presentazione del volumeIl cavalier Ferdinando Giorgetti, musicista romantico a Firenze, a c. di Claudio Paradiso (SEdM, 2015).

Ne parleranno con il curatore Bianca Maria Antolini, Carla Conti, Roberto Giuliani.

Info: scheda libro


15 maggio 2017locandina - cover

Stanford University - Department of Music, The Ron Alexander Memorial Lectures in Musicology

The Ron Alexander Memorial Lectures in Musicology, founded in 1991 in memory of Ronald James Alexander (1961-1990), have included a wide range of lecturers from universities around the world speaking on a variety of musicological topics. Each quarter a new series is offered, and lectures are free and open to the public.

Rosa Cafiero (Università Cattolica di Milano): “Creating the Myth: Giuseppe Sigismondo’s Apotheosis of Music in the Kingdom of Naples in context”.

Info: link evento | scheda libro


27-28 aprile 2017locandina - cover

Università degli Studi di Roma "Tor Vergata"
Via Columbia 1, 00133 Roma

Convegno YMEIC ROME 2017: la Società Editrice di Musicologia patrocinia la 1st Young Musicologists and Ethnomusicologists International Conference "Music, Individuals and Contexts: Dialectical Interactions", organizzata dall'Associazione "Ricerca Continua. Alumni Lettere e Filosofia Tor Vergata" in collaborazione con il Dipartimento di Storia, Patrimonio Culturale, Formazione, Società dell'Università di Roma Tor Vergata.

Info: sito web ufficiale | locandina | programma


20 aprile 2017

Conservatorio San Pietro a Majella, Napoli - ore 17

napoliok

Presentazione del volumeApoteosi della musica del Regno di Napoli di Giuseppe Sigismondo (1739-1826), a cura di Claudio Bacciagaluppi, Giulia Giovani, Raffaele Mellace, con un saggio introduttivo di Rosa Cafiero.

Testo fondamentale per la conoscenza della musica a Napoli nel Settecento, e modello per tutte le successive sintesi storiografiche, l’Apoteosi – originariamente pensata per essere pubblicata – è rimasta invece manoscritta, e viene ora edita per la prima volta. L’edizione moderna consentirà agli studiosi di poter comodamente accedere a notizie di fondamentale importanza sui compositori di scuola napoletana, sulla didattica del canto, sui luoghi della musica a Napoli, sul nucleo fondante della Biblioteca del Conservatorio ‘San Pietro a Majella’.

Interventi di Elsa Evangelista, Masina Boccia, Rosa Cafiero, Cesare Corsi, Dinko Fabris.

Infolocandina


Sabato 8 aprile 2017 

Vercelli, Ex Monastero di Santa Chiara, Corso Libertà, 300

Giornata di studi dedicata a Giovanni Battista Viotti

La giornata internazionale di studi dedicata a Viotti si inserisce in una serie di manifestazioni (mostra e concerto) che intendono offrire una visione quanto più vasta della personalità umana e professionale del musicista piemontese anche alla luce di recenti studi e edizioni critiche. La produzione vocale da camera e quella per quartetto d'archi possono ora essere avvicinate dagli interpreti grazie all'integrale in corso di stampa presso la SEdM. Dopo i sei quartetti op. 1 (2013) è di imminente uscita la serie dei quartetti op. 3 (a cura di Mariateresa Dellaborra) e in lavorazione quella dei tre quartetti senza numero d'opus dedicati al fratello André (a cura di Warwick Lister), mentre le Cantate, canzonette e romances da camera sono state stampate nel 2015.

Info: programma


5 aprile 2017

Conservatorio Domenico Cimarosa, Avellino

2017.03.21

Presentazione del volume: Francesco Pollini, Metodo per pianoforte / Piano Method, a cura di Leonardo Miucci.

Stampato da Ricordi nel 1812, e ristampato nel 1834 dallo stesso editore, il Metodo affronta i diversi aspetti della tecnica e dell’esecuzione pianistica. L’edizione critica, con traduzione inglese a fronte, propone il testo del Metodo e i suoi 400 esempi musicali ed esercizi basandosi sulla più completa edizione del 1834. L’introduzione, dopo aver ricostruito le complesse vicende editoriali del Metodo, discute nel dettaglio lo strumento e i vari aspetti tecnici e interpretativi presenti nel testo di Pollini (articolazione, tocco, flessibilità ritmica, improvvisazione, ornamentazione, pedale ecc.). L’apparato critico rende conto delle differenze tra le varie edizioni e tra i diversi stati delle singole edizioni.

Infolocandina


3 aprile 2017sapienza

Università Sapienza, Roma

Conferenza di Raffaele Mellace: Uno sguardo al Settecento musicale napoletano: L'Apoteosi della musica di Giuseppe Sigismondo

Testo fondamentale per la conoscenza della musica a Napoli nel Settecento, e modello per tutte le successive sintesi storiografiche, l’Apoteosi – originariamente pensata per essere pubblicata – è rimasta invece manoscritta, e viene ora edita per la prima volta. L’edizione moderna consentirà agli studiosi di poter comodamente accedere a notizie di fondamentale importanza sui compositori di scuola napoletana, sulla didattica del canto, sui luoghi della musica a Napoli, sul nucleo fondante della Biblioteca del Conservatorio ‘San Pietro a Majella’.

Infolocandina


21 marzo 2017

2017.03.21

Conservatorio Domenico Cimarosa, Avellino

Presentazione del volumeApoteosi della musica del Regno di Napoli di Giuseppe Sigismondo (1739-1826), a cura di Claudio Bacciagaluppi, Giulia Giovani, Raffaele Mellace, con un saggio introduttivo di Rosa Cafiero.

Testo fondamentale per la conoscenza della musica a Napoli nel Settecento, e modello per tutte le successive sintesi storiografiche, l’Apoteosi – originariamente pensata per essere pubblicata – è rimasta invece manoscritta, e viene ora edita per la prima volta. L’edizione moderna consentirà agli studiosi di poter comodamente accedere a notizie di fondamentale importanza sui compositori di scuola napoletana, sulla didattica del canto, sui luoghi della musica a Napoli, sul nucleo fondante della Biblioteca del Conservatorio ‘San Pietro a Majella’.

Info: locandina


1 febbraio 2017

Conservatorio Nicolini, Piacenza

Presentazione del volume: Giuseppe Nicolini, Quintetto per violino, 2 corni da caccia, corno inglese, e violoncello obbligati a cura di Mariateresa Dellaborra.

Il quintetto di Giuseppe Nicolini (1762-1842) rappresenta un unicum non solo nel catalogo del compositore piacentino, ma anche nel repertorio coevo. Più conosciuto e apprezzato nell’ambito operistico, Nicolini lascia anche un cospicuo catalogo di composizioni strumentali, pensate ora per fini didattici, in linea col gusto salottiero dell’epoca ora con chiaro intento virtuosistico, destinate a professionisti. Il quintetto, la cui composizione si attesta verosimilmente tra la fine del XVIII secolo e l’inizio del XIX, è tramandato in un esemplare manoscritto conservato presso la Biblioteca del conservatorio di musica “N. Paganini” di Genova. Si compone di quattro movimenti (senza indicazione di tempo; Polacca Allegretto; Largo; Rondò Allegretto) che coinvolgono in modo equilibrato gli esecutori, ma estremamente interessante vi appare la scrittura per il corno inglese, evidentemente concepita per un virtuoso d’eccezione.


25-27 gennaio 2017

Hochschule der Künste Bern

Presentazione del volumeApoteosi della musica del Regno di Napoli di Giuseppe Sigismondo (1739-1826), a cura di Claudio Bacciagaluppi, Giulia Giovani, Raffaele Mellace, con un saggio introduttivo di Rosa Cafiero.

Testo fondamentale per la conoscenza della musica a Napoli nel Settecento, e modello per tutte le successive sintesi storiografiche, l’Apoteosi – originariamente pensata per essere pubblicata – è rimasta invece manoscritta, e viene ora edita per la prima volta. L’edizione moderna consentirà agli studiosi di poter comodamente accedere a notizie di fondamentale importanza sui compositori di scuola napoletana, sulla didattica del canto, sui luoghi della musica a Napoli, sul nucleo fondante della Biblioteca del Conservatorio ‘San Pietro a Majella’.

Info: locandina convegno | link


Lunedì 21 novembre 2016, ore 10

cesarini 21novembre

Carlo Francesco Cesarini e la cantata a Roma fra Sei e Settecento
Dall'edizione critica all'esecuzione

Biblioteca Casanatense - Salone Monumentale

Sei cantate di Carlo Francesco Cesarini, conservate nel manoscritto 2248 della Biblioteca Casanatense e pubblicate dalla SEdM in edizione critica a cura di Giacomo Sciommeri, sono state incise da Stéphanie Varnerin con l’Ensemble L’Astrée diretto da Giorgio Tabacco (etichetta Aparté); alcune di esse verranno eseguite in concerto il 21 novembre (Festival Barocco, Roma, San Luigi dei Francesi) e il 22 novembre (Festival di Val di Noto Magie Barocche). Edizione, registrazione e concerti verranno presentati con interventi di musicologi e musicisti.

Saluto introduttivo di: Rita Fioravanti (Biblioteca Casanatense)
Interventi di: Bianca Maria Antolini (SEdM), Isabella Ceccopieri (Biblioteca Casanatense), Sabine Ehrmann-Herfort (Deutsches Historisches Institut, Roma), Michele Gasbarro (Roma Festival Barocco), Helen Geyer (Institut für Musikwissenschaft, Weimar-Jena), Giulia Giovani (Hochschule der Künste-Berna), Jean-François Lattarico (Université Jean Moulin-Lyon 3), Antonio Marcellino (Festival di Val di Noto Magie Barocche), Chiara Pelliccia (Deutsches Historisches Institut, Roma), Giacomo Sciommeri (Università di Roma “Tor Vergata”), Giorgio Tabacco (Ensemble L’Astrée).
Coordina: Teresa M. Gialdroni (Centro Studi sulla Cantata Italiana - Università di Roma “Tor Vergata”)

Nel corso della mattinata Stéphanie Varnerin canterà un breve estratto dalla cantata Già gl’augelli canori.

Locandina PDF >


Lunedì 7 novembre 2016, ore 18presentazione libro salvetti

Milano, Amici del Loggione, via Silvio Pellico n. 6

Presentazione del volume: Musica come pensiero e come azione. Studi in onore di Guido Salvetti, a cura di M. Vaccarini, M.G. Sità, A. Estero (Lucca, LIM - Roma, SEdM).

Edoardo Rescigno e Marco Targa illustrano i contenuti di questa ricchissima raccolta di saggi dedicata al musicologo Guido Salvetti, che sarà presente insieme con i curatori. Nel corso della presentazione il pianista Alfonso Alberti eseguirà musiche di Wagner e Liszt.

Info: Amici del Loggione - Via Silvio Pellico 6, 20121 Milano tel 02-8068.0611/2/3/4/5 - fax 02-8068.0623/25

Sommario e premessa PDF >


Giovedì 20 ottobre 2016, ore 16

Milano, Università Cattolica del Sacro Cuore, Dipartimento di Storia, Archeologia e Storia dell’arte
Via Nirone 15, Aula NI. 112

Presentazione del volume: Apoteosi della musica del Regno di Napoli di Giuseppe Sigismondo (1739-1826), a cura di Claudio Bacciagaluppi, Giulia Giovani, Raffaele Mellace, con un saggio introduttivo di Rosa Cafiero. Presiede e introduce Alessandro Rovetta; interventi di Bianca Maria Antolini, Guido Salvetti, Claudio Toscani, Agostino Ziino. Saranno presenti i curatori.

Testo fondamentale per la conoscenza della musica a Napoli nel Settecento, e modello per tutte le successive sintesi storiografiche, l’Apoteosi – originariamente pensata per essere pubblicata – è rimasta invece manoscritta, e viene ora edita per la prima volta. L’edizione moderna consentirà agli studiosi di poter comodamente accedere a notizie di fondamentale importanza sui compositori di scuola napoletana, sulla didattica del canto, sui luoghi della musica a Napoli, sul nucleo fondante della Biblioteca del Conservatorio ‘San Pietro a Majella’.

scheda >  |  locandina PDF >